Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

PROTOCOLLO D’AZIONE PER LA SICUREZZA DEGLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE

Il Protocollo d’azione per la sicurezza degli operatori della cooperazione tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e le Reti delle organizzazioni della società civile AOI, CINI e LINK2007 è rivolto agli operatori delle ONG/OSC impegnati in attività di cooperazione allo sviluppo e di aiuto umanitario, in particolare, per cooperanti e volontari, che sono chiamati a svolgere il proprio lavoro in aree, territori e Paesi caratterizzati da differenti livelli di rischio di sicurezza.

Tale Protocollo aggiorna il precedente documento “Principi per una collaborazione in materia di sicurezza” del settembre 2015 ed è frutto del lavoro congiunto di tutte le parti firmatarie ed espressione del dialogo sempre costante tra le OSC e la Farnesina sul tema della sicurezza.

Il Protocollo si compone di una prima sezione che sottolinea l’impegno comune delle parti firmatarie a diffondere una cultura della sicurezza presso le OSC e di una seconda parte “operativa” (vademecum) in cui vengono indicate le buone prassi e le regole cui ispirare l’attività all’estero. Le indicazioni riguardano tutti gli aspetti dell’attività del cooperante all’estero, dalle precauzioni da assumere prima della partenza, ai comportamenti da adottare in contesti a rischio, fino a richiamare il fondamentale ruolo di coordinamento ed indirizzo della rete diplomatico-consolare al verificarsi di una crisi.